IL LAVORO NOTTURNO AUMENTA IL RISCHIO CANCRO

28 novembre 2019

Il cancro al polmone è la principale causa di decessi per cancro in tutto il mondo, per questo studi inerenti alla prevenzione oncologica sono particolarmente attivi in questo settore. Il campo della prevenzione oncologica è governato da numerosissimi fattori legati ad abitudini e stile di vita, che risultano difficili da analizzare.

Una recente indagine pubblicata su Cell Metabolism il 28 Luglio 2016, realizzata dai biologi del Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha messo in luce la correlazione tra un lavoro che prevede turni notturni ed il rischio di carcinogenesi; il rischio di sviluppare certe malattie in seguito a turni notturni è un sorvegliato speciale da tempo, tanto che già nel 2010 il rischio di tumore correlato a ciò appariva nella sezione ‘possibile-2A’ (probabile cancerogeno per l’uomo) nella lista IARC (International Agency for Research on Cancer).

Ma perchè un infermiere o un operaio che svolgono turni notturni sono più soggetti al cancro?

Chiaramente avrete già sentito parlare di ritmo circadiano, una sorta di orologio intrinseco al nostro organismo che comporta oscillazioni bio-umorali, regolato dalla luce. Questo particolare orologio ha funzioni molto importanti tra cui la regolazione del sonno-veglia, la secrezione ormonale, le variazioni di temperatura corporea e la regolazione del metabolismo cellulare, che comprende la divisione e di conseguenza anche la proliferazione delle neoformazioni.

L’orologio circadiano negli esseri umani si trova nel nucleo soprachiasmatico del cervello (Sistema Nervoso Centrale) e dalla retina riceve informazioni riguardanti i livelli di luce; il SNC elabora queste informazioni e le trasmette alle cellule del corpo tramite ormoni e altre molecole. Un lavoro che comporta turni notturni altera il ritmo circadiano e un’alterazione di questo fa sì che i tumori diventino più aggressivi e crescano più rapidamente.

I ricercatori del MIT hanno condotto il loro esperimento sul modello animale murino (topi) ed hanno osservato l’importanza di due geni, presenti anche nell’uomo, che fungono da soppressori tumorali. Se l’orologio che detta il ritmo circadiano non funziona correttamente (in presenza di troppa o in assenza di luce) questi due geni risultano alterati e non possono svolgere il loro ruolo contro i tumori.

Questi due geni sono Bmal1 e Per2, codificano per proteine il cui livello oscilla durante il corso della giornata in correlazione al ritmo circadiano; quando il normale ciclo buio/luce viene interrotto le oscillazioni proteiche spariscono.

Lo scopo dell’esperimento è stato quello di correlare l’alterazione di questi geni e il cancro in topi programmati per sviluppare il cancro al polmone. Nella prima serie di esperimenti un gruppo di topi è stato esposto ad un ciclo buio/luce regolare di 12h/12h, mentre il secondo gruppo è stato esposto ogni 2 giorni ad un ulteriore periodo di luce di 8 h; questa situazione era volta ad emulare i turni notturni a cui si sottopongono gli esseri umani. Nella seconda serie di esperimenti i topi sono stati sottoposti ad un normale ciclo buio/luce ma sono stati ‘spenti’ i geni Bmal1 e Per2, regolatori del ritmo circadiano. Sia nei topi sottoposti a cicli buio/luce anormali, sia nei topi con i geni silenziati si è ottenuta una più rapida crescita dei tumori. E’ stato in questo modo dimostrato che sia un’alterazione fisiologica (ore buio/luce sfasate), sia una mutazione nei geni chiave che controllano l’orologio circadiano diminuiscono la sopravvivenza, portando ad una maggiore crescita e progressione del tumore al polmone. Un’ulteriore prova dell’importanza di questi geni e del ritmo circadiano proviene dall’analisi di campioni di tumore del polmone umano, nei quali si riscontrano dei bassi livelli dei due geni sopracitati e di altri geni importanti nella regolazione dell’orologio circadiano.

Articolo tratto da”il Dolomiti “di  Giorgia Tosoni

Fonti:

http://www.cell.com/cell-metabolism/fulltext/S1550-4131(16)30312-6

http://www.infermieristicamente.it/articolo/6781/nuovo-studio-rivela-le-cause-dell-incremento-di-cancro-nei-lavoratori-a-turni/

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.