CONGRESSI

IA E SICUREZZA SUL LAVORO : UN CORSO DELLA AIAS PIENONTE

Lo sviluppo tecnologico sta impattando anche sulle soluzioni per la sicurezza e salute dei lavoratori.
Dalla fine del 2022 non si parla che di intelligenza artificiale, big data e IoT che stanno diventando opportunità imprescindibili per lo sviluppo delle organizzazioni.
Trasformare i rischi in un’opportunità è la grande sfida che dobbiamo affrontare. L’evento è volto a comprendere quali siano questi rischi e quali le opportunità per capire, insieme ai partecipanti, come gestirle.

Segue un’attività divisi in gruppi, ogni gruppo lavorerà a turni su questi temi:
1. quali vantaggi può dare il DVR all’impresa?
2. quali vantaggi può dare il DVR ai lavoratori?
3. quali vantaggi può dare il DVR nel rientro degli investimenti?
4. quali vantaggi può dare il DVR alla collettività e all’ambiente?

Evento realizzato in collaborazione con:
Asso.Forma – Ente di formazione accreditato in Regione Piemonte

Sponsor dell’evento:
Helps S.r.l. – Azienda di consulenza in materia di sicurezza e salute dei lavoratori
Faraone Industrie S.p.A. – prodotti per il lavoro in sicurezza
AimSafe – Gestionale cloud per la sicurezza e salute dei lavoratori
Lillo the Worker – Piattaforma elearning
Dataprint – forniture ufficio e sicurezza

LA VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI  ALLA LUCE DELLA NUOVA NORMATIVA. LA NUOVA SFIDA DEL MEDICO COMPETENTE .

UN CONGRESSO A SESTO S.GIOVANNI

Le recenti modifiche all’81/08 hanno una ricaduta non trascurabile sull’attività del Medico Competente, per tale ragione, è stato deciso di proporre in tempi stretti un’attività formativa, volta a analizzare e discutere insieme sui queste novità. L’idea è quella di un approccio multidisciplinare, per cui è stato convocato un Magistrato, il dott. Beniamino Deiddache ci condurrà nel merito del contesto normativo che di fatto sancisce, fra gli altri aspetti, nuovi parametri per la valutazione di tutti i rischi che a questo punto sono normati ma non elencati nel D.Lgs 81/08 e dunque della sorveglianza. Se con il contributo del Magistrato si entra nel merito, con il contributo di Specialisti in Medicina del Lavoro si vuole entrare nel metodo, ovvero proveremo ad analizzare la nuova visione che si configura rispetto ruolo del Medico Competente nella Valutazione dei rischi (anche) non normati per arrivare poi alle ricadute in termini di gestione degli stessi sulla sorveglianza sanitaria e sul protocollo. Per questo ci avvarremo di docenti di navigata esperienza e rilevanza istituzionale. Pertanto con metodo e merito, non senza coraggio, proviamo a tracciare un percorso interpretativo che a sua volta comporti anche indicazioni pratiche, con cui affrontare l’intreccio di obblighi e competenze che caratterizzano l’attività del Medico Competente. Il corso entrerà nel merito delle novità normative introdotte nell’81/08, non ultima la normativa sull’invecchiamento e il lavoro, offrendo un’analisi multidisciplinare, nelle sfumature giuridiche, cliniche, istituzionali, senza trascurare aspetti pragmatici quali, come poco sopra introdotto, lavoro e invecchiamento  e valutazione dei rischi nei lavoratori trasfertisti  internazionali. Obiettivi del corso Obiettivo di questa attività formativa è di rispondere alle esigenze dei Medici Competenti, e di interrogarsi sulle migliori modalità di applicare il nuovo approccio normativo nelle realtà che il professionista si trova ad affrontare.

SESTO SAN GIOVANNI (MI) 1 GIUGNO 2024

HOTEL BARONE DI SASSJ

PROGRAMMA

8.30- Presentazione del corso
9.00  – 9.30  Lavoro e invecchiamento: come gestire l’esposizione ai rischi nei lavoratori anziani alla luce delle nuove indicazioni normative  – Liviano Vianello
9.30 – 9.40 Domande e discussione
9.40 – 10.40 – La valutazione dei rischi nei lavoratori trasfertisti internazionali.  – Vincenzo Nicosia 
10.40 – 10.50- Domande e discussione 

10.50 – Coffee break
11.05– 12.00- La nuova sfida del Medico Competente: la valutazione di tutti i rischi alla luce delle modifiche dell’81/08 – Angelo Sacco 
12.00-13.00 – La nuova sfida del Medico Competente nella valutazione di tutti i rischi, implicazioni legali. La parola al Magistrato – Beniamino Deidda. 
13.00- 13.30  Take Home messages e chiusura lavori

INFO:

https://medlavecm.it/tutti-i-rischi-1-giogno

RAPPORTO ILO SULLA SICUREZZA DEL LAVORO ED EMERGENZA CLIMA

ILO ha pubblicato in occasione della Giornata Mondiale per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro un interessante rapporto “Ensuring safety and health at work in a changing climate” (file pdf), dove vengono analizzati i nuovi allarmanti dati sull’impatto dei cambiamenti climatici sulla salute e la sicurezza dei lavoratori, in considerazione dei crescenti rischi legati all’esposizione a pericoli come il caldo eccessivo, le radiazioni ultraviolette, gli eventi meteorologici estremi, l’inquinamento atmosferico, le malattie trasmesse da vettori e i prodotti chimici per l’agricoltura.

OFTALMOLOGIA LE ULTIME NOTIZIE DAL CONVEGNO DELLA SISO.

da ansa.it

La Medicina oculistica offre soluzioni sempre più raffinate ma deve fare i conti con un sistema sanitario che impone regole superate e con tagli alla spesa pubblica che frenano il loro utilizzo, con attese sempre più lunghe e disparità tra i pazienti nelle diverse Regioni.

Se ne è parlato in occasione del terzo congresso nazionale SISO (Società Italiana di Scienze Oftalmologiche), in corso a Roma, con oltre 2800 specialisti provenienti da tutta Italia. “Da una parte registriamo avanzamenti sul piano scientifico e clinico – spiega Teresio Avitabile, Presidente SISO e Ordinario di Oculistica all’Università di Catania – dall’altra abbiamo problemi normativi. Un esempio per tutti, è l’intervento di cataratta: oggi lo eseguiamo in 20 minuti, abbiamo protesi di cristallino avanzatissime, ne facciamo 600 mila all’anno ma normative anacronistiche ci costringono a regole ridondanti che alzano i costi e allungano conseguentemente le liste di attesa”.
    L’Italia è anche al primo posto in Europa per somministrazione di iniezioni intravitreali con cui si somministrano farmaci che, inibibendo i fattori di crescita di nuovi vasi sanguigni, frenano la degenerazione della macula, cioè la zona centrale della retina. “Ne pratichiamo circa 400 mila l’anno – dichiara Scipione Rossi, Segretario Siso e Direttore dell’UOC di Oculistica Ospedale S.Carlo di Nancy di Roma – Il problema è l’erogazione delle prestazioni: i rimborsi, cioè i Drg, per questo tipo di malattie sono in diminuzione”. Nel caso del glaucoma, è stato inoltre prodotto un cristallino artificiale speciale. 

 “In pratica, se un paziente che deve operarsi di cataratta soffre anche di un glaucoma controllato farmacologicamente – continua- si può impiantare questo tipo di cristallino che gli consentirà di fare a meno delle gocce quotidiane di collirio per un anno o due”. Ma se i trattamenti ci sono, il Ssn non consente a tutti di beneficiarne. “Stiamo assistendo a una graduale fuoriuscita dell’Oftalmologia dal Sistema Sanitario Nazionale – spiega Francesco Bandello, Direttore Unità di Oculistica dell’Ospedale S. Raffaele di Milano – I nuovi Lea infatti prevedono una riduzione sostanziale di rimborso di prestazioni importanti tra cui l’intervento di cataratta rimborsato con 800 euro, una somma insufficiente”.
Rassicurazioni arrivano dal Ministero “disponibile a rivedere il tariffario – conclude Romolo Appolloni del Consiglio Direttivo SISO, Direttore U.O.C. Oftalmologia Ospedale S. Eugenio – CTO di Roma – ovviamente nel rispetto della sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale”

PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE DELLA MEDICINA DEL LAVORO: GLI ATTI DEL WEBINAR UN ONORE DI ALBERTO ANDREANI.

In questo scritto sono riproposti gli interventi presentati al webinar del 25 novembre 2021 dedicato alla memoria di Alberto Andreani, alla sua visione della sicurezza sul lavoro e alle problematiche e prospettive del d.lgs. n. 81/2008.

Paolo Pascucci e Eugenio Sorrentino (a cura di)Biografia

Versioni

PDF

Abstract

Sullo stesso argomento :

https://www.puntosicuro.it/sorveglianza-sanitaria-malattie-professionali-C-60/d.lgs.-81/2008-quali-sono-le-luci-le-ombre-della-sorveglianza-sanitaria-AR-23220/

CONVENTION NAZIONALE DEI MEDICI COMPETENTI A CATANIA : 10-11 MAGGIO.

Il 10 e 11 maggio 2024 a Catania si svolgerà la Convention Nazionale dei Medici Competenti, organizzata dalle Commissioni Permanenti dei Medici Competenti e della Sanità della SIML.
I lavori della Convention 2024 verteranno su due tematiche indubbiamente delicate e coinvolgenti: Le richieste improprie al Medico Competente e I protocolli di sorveglianza in Sanità. Il programma potete trovarlo qui

I CONGRESSO “SALUTE AMBIENTE E CAMBIAMENTI CLIMATICI ” A BOLOGNA

Venerdì 12 aprile 2024 ore 8.00-18.30
Bologna – MAST.Auditorium, Via Speranza 42

Il I congresso nazionale “Salute, ambiente e cambiamenti climatici. Prospettiva 2030” si configura come un evento di rilevanza nazionale – focalizzato sull’importanza di affrontare apertamente e discutere dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento – capace di sottolineare il cruciale legame tra ambiente e salute, evidenziando come che la cura dell’ambiente costituisca un mezzo essenziale per la promozione la salute.

Oltre 20 i relatori che parteciperanno all’evento tra cui epidemiologi, oncologi, meteorologi, chimici, fisici, ingegneri ambientali, a capo di istituti e laboratori di ricerca, e dipartimenti universitari di rilievo internazionale.
Tra gli argomenti affrontati si spazierà dal supercalcolo per le analisi meteo-climatiche alle bonifiche dei siti inquinati, dalla perdita di biodiversità alla prevenzione dei tumori, dal fenomeno dell’eco-ansia nelle giovani generazioni alla transizione energetica nelle imprese, dall’impatto degli inquinanti alle politiche ambientali nelle grandi città.

L’evento costituisce un’opportunità unica per riunire professionisti competenti nel settore ambientale e sanitario, con l’obiettivo di costruire un percorso finalizzato alla riflessione e all’orientamento sulle strategie di mitigazione da attuare in futuro.
Il congresso è organizzato dal Programma Ambiente Salute del Dipartimento di Sanità Pubblica con il contributo della Fondazione MAST ed è patrocinato da: Ministero della Salute, Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Società Italiana di Igiene Preventiva e Sanità Pubblica, Università degli Studi di Bologna, Comune di Bologna, TPER, Ordini professionali provinciali dei medici chirurghi, medici veterinari, biologi, chimici, fisici, ingegneri, professioni infermieristiche, psicologi, tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione.

Per ulteriori informazioni contattare gli organizzatori.

Fonte: AUSL Bologna

Vai alla notizia completa…

Vai alla locandina del congresso

XXXVII CONGRESSO ANMA A BOLOGNA IL 23-24-25 MAGGIO

L’EVOLUZIONE DELLA PROFESSIONE DEL MEDICO COMPETENTE FRA ANTICHI TEMI E NUOVI ORIZZONTI

INFORMAZIONI GENERALI

Sede Congressuale e hotel a Bologna

Best Western Plus Tower Hotel – Sala Felsina 2° piano
Viale Ilic Uljanov Lenin, 59
40138 Bologna
Tel: 051 6024111
e-mail: info@towerhotelbologna.com
[leggi di più …]

INFORMAZIONI SCIENTIFICHE

Il programma scientifico del Congresso è elaborato dal Comitato Scientifico dell’Associazione Nazionale Medici d’Azienda e Competenti
Programma scientifico avanzato al 5 aprile

SESSIONE POSTER

L’iniziativa si rivolge a tutti coloro che desiderano comunicare il proprio impegno professionale e scientifico, confrontandosi con una platea qualificata, attraverso elaborati che verranno esposti e presentati in sede congressuale in forma di poster.
[leggi di più …]

ISCRIZIONI

Il Congresso è rivolto a:
◾ Laureati in Medicina e Chirurgia, che svolgono l’attività di Medico Competente (ai sensi dell’art. 38 del D.Lgs. 81/2008)
◾ Specializzandi in Medicina del Lavoro

 Modalità di partecipazione
➤ per effettuare l’iscrizione al Congresso è necessario compilare il modulo in ogni sua parte ed inviarlo alla Segreteria Organizzativa via email a formazione@anma.it entro il 5 maggio 2024
[leggi di più …]

 Quota di partecipazione
MEDICO COMPETENTE
SOCIO ANMA 2024                 € 220,00          esente IVA

__________________________________________________________________________

MEDICO COMPETENTE
NON SOCIO                             € 310,00          esente IVA
non sei ancora socio ANMA 2024? Rinnova o iscriviti qui

__________________________________________________________________________

MEDICO SPECIALIZZANDO
SOCIO ANMA 2024                 € 40,00             esente IVA

__________________________________________________________________________

 La quota di iscrizione al Congresso comprende:
➤ partecipazione ai Lavori Scientifici, accesso ad aperitivo, coffee break e buffet lunch durante le giornate congressuali
come ormai adottato da molte Società Scientifiche per i loro Congressi, anche il nostro evento sarà indipendente dall’accreditamento ECM, ossia non erogherà Crediti al momento dell’evento. Questi saranno acquisiti dagli iscritti al Congresso tramite FAD successiva, specificatamente loro dedicata ed in forma dialogata e guidata dall’Associazione
➤ la quota di iscrizione al Congresso comprende inoltre il pass per la partecipazione al Corso ECM FAD asincrono, successivo al Congresso che erogherà 22 Crediti. A breve maggiori dettagli.
[leggi di più …]

MODULO COMPILABILE ISCRIZIONE MEDICO COMPETENTE

MODULO COMPILABILE ISCRIZIONE MEDICO SPECIALIZZANDO

 Segreteria Scientifica e Organizzativa
Giovanni Briatico Vangosa
Benedetta Mesiano
Tel. +39 0331 1521840
formazione@anma.it

 Consulenza marketing e comunicazione
Serena Trincanato
Tel. +39 347 7208074
serena.trincanato@gmail.com

SEMINARIO EPMIES: SOVRACCARICO BIOMECCANICO E PATOLOGIE MUSCOLO-SCHERLETRICHE .

15 giugno 2024 – ore 8.45-18.00
Milano – Sala Pio XII – Via S. Antonio 5
Seminario gratuito a iscrizione obbligatoria

Dopo una assenza di qualche anno, causa epidemia Covid, l’Associazione Scientifica EPMIES quest’anno riprende l’organizzazione del classico seminario dedicato alla diffusione di sempre nuove conoscenze ed esperienze applicative riguardanti la prevenzione e gestione del rischio da sovraccarico biomeccanico.
Il seminario è dedicato principalmente alla presentazione di nuove tecniche per la prevalutazione (ERGOCHECK) e valutazione del rischio in settori che, benchè ad alto impatto sulla salute, per la loro complessità, finiscono per essere trascurati (agricoltura, costruzioni, nettezza urbana, assistenza a domicilio, ecc.). EPMIES coglierà anche l’occasione per presentare novità sulle norme ISO di recente introduzione, senza trascurare i piani Nazionali e Regionali di prevenzione del rischio da sovraccarico biomeccanico.

Per ulteriori informazioni contattare gli organizzatori.

Fonte: EPMIES

Vai al seminario “Sovraccarico biomeccanico e patologie muscoloscheletriche”….

ORTOBIOLOGIA EFFICACE CONTRO L ‘ARTROSI

Infiltrazioni con antinfiammatori e acido ialuronico, PRP (Plasma Ricco di Piastrine) e cellule mesenchimali: trattamenti mini invasivi per trattare l’artrosi da lieve a moderata, e ridurre il dolore

Combattere l’artrosi si può, anche senza bisturi: dopo i trattamenti infiltrativi con farmaci antinfiammatori e quelli a base di acido ialuronico, oggi la ricerca si concentra su infiltrazioni con i derivati del sangue, i cosiddetti PRP (Plasma Ricco di Piastrine), fino ad arrivare ai trattamenti con le cellule mesenchimali estratte dal midollo osseo o dal grasso sottocutaneo.

Parliamo di ortobiologia, metodiche che sfruttano le capacità rigenerative delle cellule del corpo umano con l’obiettivo di stimolare la ricrescita di alcuni tessuti e di attenuare l’infiammazione, trattamenti non chirurgici e mini invasivi che accendono nuove speranze per coloro che fino a qualche anno fa avevano come unica scelta terapeutica l’intervento di sostituzione protesica.

Queste tecniche di medicina riparativa e rigenerativa sono applicabili al trattamento conservativo delle articolazioni, ma anche alla fase post-intervento chirurgico, per migliorarne l’esito, favorendo la guarigione dei tessuti. L’artrosi è una malattia articolare cronico-degenerativa a carattere progressivo che colpisce in Italia circa 4 milioni di persone: “Per il trattamento dell’artrosi,  patologia degenerativa che aumenta con l’età – spiega Alberto Momoli (nella foto), Presidente della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia, SIOT e Direttore UOC Ortopedia e Traumatologia, Ospedale San Bortolo, Vicenza – si sono aperte nuove strade per cure più conservative e, grazie alle tecniche di ortobiologia, siamo entrati in una nuova era in ambito ortopedico. Questo tipo di procedure riguarda però le fasi iniziali dell’artrosi, i gradi 2 e 3. Mentre se l’artrosi è di quarto grado non ci sono alternative all’intervento chirurgico. E’ fondamentale l’intervento precoce”.

Evidenze scientifiche hanno dimostrato l’efficacia delle infiltrazioni con l’acido ialuronico e con il PRP, e la letteratura più recente anche quelle con le cellule mesenchimali, in particolare nell’articolazione del ginocchio.

Fra i trattamenti infiltrativi in prima linea per il trattamento conservativo dell’artrosi di ginocchio c’è l’acido ialuronico che viene iniettato nell’articolazione allo scopo di lubrificarla e nutrire la cartilagine rimanente, una pratica clinica ormai diffusa che mostra benefici anche nell’artrosi dell’anca. Nel caso dell’articolazione del ginocchio, quando la risposta a questa terapia non fosse sufficiente, è possibile ricorrere alle infiltrazioni con i derivati del sangue, PRP. In questo caso, dal sangue del soggetto, opportunamente centrifugato, viene estratto il plasma ricco di piastrine che, iniettato, favorisce il rilascio di fattori di crescita piastrinica, cioè di molecole che consentono ai tessuti di ripararsi e rigenerarsi. Il PRP trova ampia applicazione anche nella rigenerazione dei tendini della spalla.

Un’ulteriore possibilità, ancora in fase sperimentale, è offerta dalle cellule staminali mesenchimali estratte dal tessuto adiposo addominale e poi infiltrate nell’articolazione artrosica.  “Si tratta di una procedura più complessa rispetto a quella prevista dalla cura con il PRP – precisa Momolima si svolge anch’essa in regime ambulatoriale. In entrambi i casi è importante rivolgersi a centri certificati e con elevati standard qualitativi. Quando usato su persone con artrosi, il trattamento a base di cellule mesenchimali, utile anche in caso di tendiniti, è molto efficace sul ginocchio e un po’ meno sull’anca. Bisogna, comunque tener presente che tale cura è in grado solo di rallentare il processo artrosico, ma non di farlo regredire”.  

I trattamenti infiltrativi presentano controindicazioni estremamente ridotte con un’attenzione particolare nei soggetti fragili o coloro che fanno uso di farmaci anticoagulanti o presentano varie comorbidità; riguardo le infiltrazioni con il cortisone e con l’acido ialuronico non ci sono particolari controindicazioni a meno che il paziente non presenti allergie a uno dei componenti del farmaco o alterazioni gravi dello stato di salute.

Il trattamento infiltrativo con PRP e mesenchimali viene utilizzato principalmente per trattare quelle artrosi da lievi a moderate, sintomatiche, in cui il danno articolare e la funzione residua permetta ancora margini di un trattamento non chirurgico consentendo così una migliore qualità di vita per il soggetto che, in caso di progressione della malattia, potrà essere sottoposto alla chirurgia protesica.  

La scelta delle diverse tecniche, oltre ad aderire alle indicazioni delle linee guida presenti in materia, viene valutata dallo specialista caso per caso, anche nel rapporto costi-benefici. A fare la differenza è sempre la prevenzione: “Noi produciamo cartilagine fino ai 25-30 anni – conclude Momoli poi cominciamo a consumarla per vari motivi anche per attività fisica eccessiva o al contrario per sedentarietà. Senza dimenticare che oltre ad un’alimentazione corretta che deve garantire il giusto apporto di calcio è soprattutto il movimento costante uno dei fattori che contribuiscono a prevenire la degenerazione della cartilagine”. (Fonte Dottnet.it)